Costi aziendali da abbattere

Non esistono, sul piano teorico, dei costi aziendali eliminabili.

Esistono spese improprie, gestioni economiche distratte o scelte strategiche non opportunamente valutate.
Tutte le aziende con più di cinque anni di vita hanno costruito la propria vita su strutture di spesa difficilmente eliminabili.

Un po’ per abitudine, un po’ per trascuratezza ma altrettanto spesso per stanchezza, gli imprenditori tendono a guardare ai regimi di spesa della propria azienda come delle variabili immodificabili.

“Ci ho provato cento volte, ma poi i risultati sono quasi sempre gli stessi”.

I problemi toccano gli assetti organizzativi, le metodologie di produzione, l’esperienza del management. La tematica tocca quindi i modelli di produzione di beni e servizi che le aziende intendono produrre. E’ impossibile tagliare immediatamente un costo senza essere costretti a sostituirlo con una nuova spesa.

Ma così sto risparmiando il 10%”, nel brevissimo periodo l’affermazione è corretta. Ma sul breve e medio corso la situazione si modifica e la spesa torna a lievitare.

Spesso la conoscenza delle basi elementari della economia di mercato aiuta a comprendere i motivi di tale situazione.

Il boom del fotovoltaico in Italia ne è un esempio concreto. Tante aziende hanno investito barche di quattrini nell’acquisto (finanziato dalle banche) di impianti fotovoltaici per l’auto produzione con annessa vendita del surplus di produzione alle aziende energetiche.

Oggi si scoprono con superfici vincolate per 25 anni, interessi di gestione cresciuti in media dell’8% ed un indebitamento bancario complessivamente cresciuto del 20%. Le più grandi, ne escono bene. Le piccole e le piccolissime si devono solo leccare le ferite e sperare in un futuro aiuto pubblico.

L’esempio evidenzia una dinamica che guarda più ad un nuovo business che ad una reale politica di abbattimento dei costi energetici.

Vi sono alcune leggi della macroeconomia che non possono essere modificate con un colpo di bacchetta magica.

In una impresa ogni costo deve determinare un beneficio economico della medesima entità.

Se approfondendo l’analisi si verifica che ciò non accade, il problema non è della struttura di costo o della spesa relativa che è lievitata, ma del manager che non ha aggiornato la sua pianificazione creando sistemi di riallineamento e/o immediati riequilibri tra le spese.

Print Friendly

2 Comments

  1. I finanziamenti del fotovoltaico vengono ammortizzati dopo qualche anno. L’energia si produce da subito però.

    • Non è proprio così, ma ti capisco, vendi pannelli fotovoltaici!

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *